Domanda:
Quali sono le differenze fondamentali tra espresso, cappuccino e latte?
QuyNguyen2013
2015-01-30 20:05:48 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono appena entrato nel mondo del caffè e sono assalito da parole come latte, espresso, ecc. Quali sono le differenze fondamentali tra le preparazioni di caffè come espresso, cappuccino e latte? La differenza è una questione di rapporto caffè-latte o ci sono altri aspetti coinvolti come amarezza, acidità, quantità di caffeina e dimensioni della porzione?

[Questo fumetto di farina d'avena] (http://theoatmeal.com/comics/coffee) ha un buon diagramma.
Quattro risposte:
#1
+7
Mayo
2015-02-02 05:47:33 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Presumo che tu abbia bevuto un espresso. È una tazzina di caffè estratta ad altissima pressione. È delizioso da solo e ad alcuni piace aggiungere lo zucchero.

Allora, cos'è un latte? Prendi un caffè espresso e aggiungi il latte al vapore

Che cos'è un cappuccino? Prendi un caffè e aggiungi il latte al vapore.

Allora, qual è la differenza tra un latte e un cappuccino? Sono la stessa cosa?

No. (A meno che tu non sia in una tavola calda davvero scadente, nel qual caso non dovresti ordinare latte macchiato lì.)

Ci sono molte differenze tra un latte e un cappuccino.

Uno è il rapporto tra latte ed espresso. Un cappuccino è 1-1 latte per espresso e il latte è 2-1 latte per espresso.

Un'altra differenza è che il latte viene trattato in modo diverso. In un latte il latte viene riscaldato invece di essere schiumato. In un cappuccino il latte viene emulsionato (trasformato in microfoam) fino a circa il doppio del suo volume originale. (Se hai mai riscaldato o schiumato il latte, avrai notato come cambia lo stato del latte mentre viene riscaldato.)

Infine il modo in cui il latte e l'espresso sono combinati è diverso. In un latte il latte riscaldato e l'espresso vengono versati insieme in una tazza da portata. Qualunque sia la microfoam che potrebbe essere stata creata durante il riscaldamento, il latte viene quindi versato sopra. In un cappuccino la schiuma di schiuma viene versata sull'espresso.

È più complicato di così, ma lascerò che altri rispondano a queste domande.

* Allora, qual è la differenza tra un latte e un espresso? * Penso che intendi cappuccino?
#2
+4
antonio
2015-03-10 06:07:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Rispondo qui perché si applica all'Italia, altrove può essere diverso.

Cappuccino in italiano significa piccolo cappuccio, che a sua volta significa piccolo tappo. È una bevanda al latte e caffè con una guarnizione peculiare: una schiuma di latte ottenuta con il vapore. Potreste chiedere di aggiungere anche del cioccolato in polvere. A parte il gusto, la polvere che riempie il poro della schiuma conferisce un aspetto gradevole alla bevanda. Quando viaggio all'estero, lo vedo come una caratteristica standard, ma qui è su richiesta.

Il vapore è prodotto da una pompa parte di una macchina da caffè abbastanza grande, che è la dotazione standard di qualsiasi bar italiano . A causa dell'elevata pressione in gioco normalmente non è possibile produrre un cappuccino in casa, almeno non utilizzando un fornello standard. Comunque oggigiorno si vendono versioni ridotte della macchina da bar, in grado di produrre cappuccini (e caffè) da bar anche a casa.

La temperatura è fondamentale per il cappuccino. La temperatura calda è necessaria per produrre la schiuma, ma un cappuccino troppo caldo farà male alla lingua. Al contrario di una tazza di tè caldo, dove puoi aspettare che diventi più freddo, qui quando il caldo va via fa anche la schiuma, quindi quello che bevi non è più un cappuccino.

Espresso significa espresso, come puoi immaginare. È un caffè fatto con la macchina grande che ho citato sopra, contrariamente al caffè fatto in casa sui fornelli, con la cosiddetta moka, questa macchina può fare un buon caffè all'istante. Ciò comunque richiede che questo apparecchio sia già impostato (con adeguati livelli di pressione e temperatura), il che richiede tempo ma viene fatto una sola volta, al mattino, quando il bar si apre. può aiutare osservare che la colazione è quasi inesistente in Italia, in quanto consiste per molti di un espresso veloce e frugale o di un cappuccino con un cornetto, da consumare fermi al bar prima di recarsi al lavoro. Quindi la velocità nella preparazione paga.

Inoltre, l'approccio italiano al caffè come bevanda è radicalmente diverso. Per quello che ho visto, nel resto del mondo il caffè si beve in boccali simili a quelli usati per il tè (penso al caffè americano ad esempio); qui la dimensione di una tazzina è estremamente piccola e questo perché la bevanda è concentrata. Per preparare il caffè in questo modo è necessaria acqua ad alta pressione e alta temperatura forzata attraverso una fila di caffè dalla macchina del caffè.

Le grandi macchine espresso che si trovano nei bar sono ideali, data la loro potenza, per ottenere questo e generalmente la loro resa è considerata migliore della moka fatta in casa.

Si noti che contrariamente al cappuccino, qui più alta è la temperatura migliore è il gusto. Per renderlo beverino le barrette utilizzano apposite tazze molto spesse. Il risultato finale è che non ti ferisci le labbra quando bevi, inoltre il volume del liquido che ti passa attraverso la bocca è minore e non ti bruci la lingua.

Ho letto che il totale la caffeina in un caffè americano è più alta, comunque la sensazione che si ha con un espresso è come se si stesse prendendo qualcosa di più forte e si amplifica anche questo effetto bevendolo velocemente, spesso in un colpo solo.

Dato l'alto temperatura e pressione, se non si fa l'espresso quotidianamente, è molto facile farlo bruciato , producendo qualcosa di amaro e di cattivo gusto. Ho visto molti abituati al caffè americano (tazzine grandi), non amano l'espresso e viceversa. Ad ogni modo, prima di decidere che il gusto forte dell'espresso non fa per te, assicurati di averne assaggiato uno fatto professionalmente.

Come dicevo prima, ora ci sono macchine per caffè espresso da casa, che sono anche facili da usare .

Latte è l'abbreviazione di latte macchiato, latte macchiato. La macchia è la piccola quantità di caffè.

Per quanto possa sembrare strano, in Italia la parola espresso è una sorta di parola straniera non usata affatto. Forse era il 1800, quando fu inventato l'espresso, ma ora ci limitiamo a dire: "Un caffè, per favore".

#3
+2
John Snow
2015-02-02 14:23:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

C'era già una domanda qui a cui qualcuno ha risposto con un'immagine che mostra le ricette delle bevande, ma vale la pena notare che si tratta di definizioni vaghe e che la ricetta effettiva può variare in base al caffè che esamini.

A partire da una base per espresso e passando da rapporti di latte più piccoli a quelli più grandi: Espresso < Macchiato < cappuccino < latte

Espresso: Gusto pieno di caffèMacchiato: rapporto 1: 1, sapore tende verso caffè cappuccino: rapporto 1: 3, il gusto deve essere bilanciatolatte: 7-? once di latte, principalmente aroma di latte

L'acidità e l'amaro dipenderanno dal tuo caffè, ma come notato sopra l'aroma del caffè si dissolve quando aggiungi più latte.

#4
+1
alex-e-leon
2015-03-09 17:51:32 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In Australia abbiamo differenze diverse tra un latte e un cappuccino. Hanno entrambe le stesse dimensioni e sono fatte allo stesso modo (alcuni dicono che un cappuccino dovrebbe essere un po 'più schiumoso), ma sono entrambi serviti in tazze di stili diversi (questo è importante ma non so perché il cappuccino ha sopra una granata di cioccolato.

Ecco un bicchiere da latte:

latte

Ed ecco una tazza da cappuccino:

cappuccino



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...